Per un'installazione corretta dei rubinetti e dei soffioni doccia occorre tener presente alcuni passaggi fondamentali. 
Questi, non solo eviteranno che il prodotto acquistato venga danneggiato in fase di messa in opera, ma saranno in grado di garantire una tenuta maggiore e una manutenzione più semplice. 
A differenza di 30 anni fa, non sono cambiati solo i rubinetti e gli articoli sanitari, sempre più improntati al design, ma è cambiato anche l'approccio degli installatori verso i rubinetti, sempre più attenti alle esigenze del mercato e alla cura dei prodotti. 
Questo grazie anche all'evoluzione delle stesse tecniche di produzione: si è passati da un processo di fusione -in cui il rubinetto era un oggetto monolitico- a un processo di assemblaggio del prodotto, dove ogni componente, realizzato in modo autonomo, richiede poi grande attenzione in fase di installazione per ottenere un risultato di alta qualità.
In generale, prima di qualsiasi installazione è  fondamentale: 
1) spurgare le tubazioni; 
2) inserire dei rubinetti filtro sottolavabo o sottobidet.
Questi due passaggi servono a eliminare i depositi finiti nella parte basse delle tubazioni quando l'impianto non era ancora in uso. Infatti, i depositi devono essere spurgati prima del collegamento del rubinetto onde evitare che finiscano all'interno dello stesso, compromettendone la tenuta e la funzionalità della cartuccia (organo di regolazione), oppure ostruiscano l'aeratore. 
Una volta spurgate correttamente le tubazioni, occorre installare i filtri (una sull'acqua calda e l'altra sull'acqua fredda) per scongiurare che la sabbia presente nelle condotte provenienti dall'acquedotto finisca nel rubinetto, danneggiandolo. Questi filtri sono dotate di valvole di regolazione, nonchè di chiusura, in modo tale da poter effettuare successive manutenzioni anche sul singolo rubinetto, senza intervenire su tutto l'impianto dell'abitazione. 
PRESSIONE DELL'ACQUA: controllare che la pressione non sia inferiore a 1.5 bar e non superiore ai 5 bar. In quest'ultimo caso si raccomanda di utilizzare un apposito riduttore di pressione. 
TEMPERATURA DELL'ACQUA: non deve mai essere superiore ai 70° C. 
ATTENZIONE: un errore da evitare è quello di sollevare il sanitario afferrando la canna del rubinetto. Dal momento che il rubinetto è composto da più elementi (bocca e corpo), non è consigliabile fissare lo stesso prima dell'installazione del sanitario. Esso, una volta accoppiato, è in grado sì di sopportare tre volte il suo peso, ma non il peso dell'intero sanitario. Così facendo, si rischia di causare danni sia al sanitario sia al rubinetto, che già dalla prima installazione potrebbe evidenziare delle perdite, dovuto appunto allo sforzo abnorme esercitato sulla canna. Durante le operazioni di montaggio è pertanto necessario prestare attenzione affinché il tirante venga svitato ogni qualvolta si intende agire sull'allineamento del rubinetto al sanitario. In questo modo viene sconsigliato il rischio che se ne comprometta l'originale tenuta. 
ATTENZIONE: Non collegare la messa a terra di un impianto elettrico al flessibile o ad altra conduttura idraulica.